Harvard, Yale, Brown Endowments hanno acquistato Bitcoin per almeno un anno: fonti

Le dotazioni universitarie che hanno sostenuto le VC blockchain nel 2018 hanno iniziato ad acquistare criptovalute direttamente da Coinbase.

Bitcoin Revolution ha appreso che alcuni dei più grandi fondi di dotazione universitari negli Stati Uniti hanno tranquillamente acquistato criptovaluta nell’ultimo anno circa attraverso account detenuti su Coinbase e altri scambi.

Secondo due fonti che hanno familiarità con la situazione, Harvard, Yale, Brown e l’Università del Michigan, nonché molti altri college, hanno acquistato criptovalute direttamente sugli scambi. (Diverse dotazioni della Ivy League si sono interessate alla tecnologia blockchain tramite fondi di capitale di rischio incentrati sulla crittografia nel 2018.)

“Ce ne sono un bel po ‘”, ha detto una fonte che ha chiesto di rimanere anonima. “Molte dotazioni stanno allocando un po ‘di criptovaluta al momento.”

Yale e Brown non hanno risposto alle richieste di commento da parte della stampa. Quando è stato raggiunto da CoinDesk, le dotazioni di Harvard e dell’Università del Michigan hanno rifiutato di commentare. Anche Coinbase ha rifiutato di commentare. Le dotazioni universitarie hanno ricevuto una sola menzione nel rapporto annuale di Coinbase per il 2020, ma senza nominare alcun nome.

Alcuni dei fondi di dotazione universitari in questione potrebbero aver tenuto conti con Coinbase per un massimo di 18 mesi, secondo una fonte.

“Potrebbe essere dalla metà del 2019″, ha detto la fonte. “La maggior parte è stata in almeno un anno. Penso che probabilmente ne discuteranno pubblicamente ad un certo punto quest’anno. Ho il sospetto che starebbero seduti su dei bei pezzi di ritorno. ”

Le dotazioni universitarie sono pool di capitale accumulato dalle istituzioni accademiche, spesso sotto forma di donazioni di beneficenza. Questi fondi, che supportano l’insegnamento e la ricerca, possono essere allocati in diversi asset a scopo di investimento.

Harvard’s è la più grande dotazione universitaria con oltre $ 40 miliardi di asset. Yale ha oltre $ 30 miliardi, il Michigan circa $ 12,5 miliardi, mentre Brown detiene $ 4,7 miliardi. Non è noto quanto ciascun fondo abbia stanziato in criptovaluta, ma è probabilmente una frazione del percento del loro patrimonio totale.

Lunga strada

Già nel 2018, David Swensen, Chief Investment Officer della Yale University, ha fatto notizia sostenendo due fondi di venture criptati, uno gestito da Andreessen Horowitz e un altro lanciato dal co-fondatore di Coinbase Fred Ehrsam e dall’ex partner di Sequoia Capital Matt Huang.

Diverse altre università hanno seguito Yale nel sostenere VC criptate, tra cui Harvard, Stanford, Dartmouth College, MIT, University of North Carolina e Michigan . Chiaramente, alcune di quelle scuole sembrano fare il passo successivo investendo direttamente in criptovalute.

La seconda fonte, che è coinvolta nel mondo degli hedge fund delle criptovalute, ha indicato “un grande cambiamento” negli ultimi mesi. “Stiamo assistendo ai piani pensionistici a benefici definiti avvicinarsi all’erogazione degli stanziamenti. Stiamo vedendo i piani pensionistici pubblici avvicinarsi a fare assegnazioni “, ha detto la persona.

“Se avessi sentito che tre anni fa, avrei detto che era sbagliato”, ha detto Ari Paul, co-fondatore di BlockTower Capital e in precedenza un gestore degli investimenti per l’Università di Chicago. “Ma molte istituzioni ora sono a proprio agio con bitcoin . Lo capiscono e possono semplicemente acquistarlo direttamente, purché provenga da un’entità regolamentata come Coinbase, Fidelity o Anchorage “.

Comments are closed.